Nuova Rubrica! A partire da Settembre

Tag

, , , ,

20428039_1437570596292814_230954975_n

Si chiama EX LIBRIS, ed è la nuova rubrica settimanale di riflessioni e curiosità letterarie a cura di Maggie Van Der Toorn in collaborazione con Ultima Voce. Partirà nel mese di settembre e ogni settimana verrà scelto un libro di cui parleremo. Perché sì, ne parleremo, ma in modo totalmente diverso. Non useremo parole statiche per recensire, ma la forma di un racconto per trasmettere il messaggio del libro e comunicarlo al lettore.

EX LIBRIS, emozioni dai libri. E’ questo il nostro motto.  Ci teniamo al tuo lavoro e lo vogliamo valorizzare al massimo. Desideriamo contribuire in maniera originale all’opera dell’autore/autrice, non solo con il nostro breve racconto, ma con l’aggiunta di una canzone in tema alla storia. Libri, storie, immagini e musica, una rappresentazione completa del vostro lavoro nella rubrica EX LIBRIS di Ultima Voce, unica in Italia!

EX LIBRIS sarà a cura di Maggie Van Der Toorn, autrice di tre libri (Labirinti, Partenze, Posti a sedere), specializzata in racconti brevi, premiata con diversi Premi Letterari: Il Molinello, Napoli Cultural Classic, InCostieraAmalfitana, Megaris, Autore dell’anno 2015, Premio Città di Cattolica, e altri. Emotioner, giornalista, event planner, sceneggiatrice con esperienza e conoscenza del mondo letterario e cinematografico e con un forte desiderio di leggere il tuo libro ed arricchirlo con una recensione creata apposta per te.

Come partecipare?

Inviare una mail con la richiesta di partecipazione con una breve presentazione: la sinossi del libro e una breve biografia. Ti contatteremo e risponderemo, poi al resto ci pensiamo noi. Il servizio è assolutamente gratuito. Non verrà richiesto nessun contributo, né impegno, solo quello di condividere il tuo lavoro con noi.

Scrivi a: maggie@ultimavoce.it

Non ci sono scadenze, ma le richieste verranno valutate in ordine di arrivo. Il nostro lavoro sarà di prenderci cura del tuo libro, leggerlo e parlarne con un format totalmente innovativo.

Seguimi:

https://www.ultimavoce.it/author/maggievdt/

 

 

Annunci

Posti a sedere in formato e-book

posti foto 2_e

E’ ufficiale: da oggi 27 aprile 2017 il mio libro Posti a sedere è disponibile in formato e-book al prezzo di Euro 3,99. E’ stato pubblicato tramite Streetlib, disponibile su Amazon e Kindle.

Buona lettura!

Cliccate sull’immagine qui sotto per l’acquisto e una breve anteprima.

Posti a sedere è una raccolta di racconti. Otto personaggi che condividono i loro posti a sedere: Viola che ritrova il suo destino, Anita che scopre il vero amore, Francesca e suo padre che nei loro posti in curva Sud trovano la forza di procedere: sono solo alcune delle donne che sfilano in questi otto racconti. Maggie Van Der Toorn tesse una trama di grazia e ironia in cui, con la sua narrazione intimistica, descrive il contrasto e il dissidio tra i pensieri, le azioni e le scelte del genere umano nella riscoperta dei loro volti descritti con uno stile profondo e diretto.

 

Raccontatori -Incontro culturale

locandina-bozza

Raccontatori – Incontro culturale – Parole,musica,sapori

Che cosa hanno in comune i cinque autori di questo incontro letterario? La passione di scrivere, condividere i propri pensieri, le osservazioni e raccontare storie che fanno parte di tutti noi.
Incontro letterario con musica e degustazione di vino della casa vinicola Vitae Azienda Agricola nel splendido Auditorium dell’Istituto Lettimi in Via Cairoli 44 a Rimini Centro Storico, ore 17, sabato 18 marzo 2017.
Presentazione dei libri di:
Maggie van der Toorn Posti a sedere (L’Erudita Giulio Perrone Editore)
Gabriele Poli  Il tesoro di Tupac Amaru (Ondeurto Edizioni)
Daniela Bartoli Vite guardate (L’Erudita Giulio Perrone Editore)
Roberta Marcaccio Tranne il colore degli occhi (Antonio Tombolini Editore)
Stefano Capraro Richiami d’amore (L’Erudita Giulio Perrone Editore)

Letture a cura di Alessandra Giardina
Intermezzo musicale con Giacomo Fiori (pianoforte) e Samantha Faina(soprano)

Intervento di Anna Cecchini (giuria) per la premiazione del concorso letterario Racconti allo specchio – Scintille in cento parole.

Ingresso libero

Posti a sedere a Napoli

16237738_1254142167968992_1847050645_n

 

La prima cosa che si percepisce quando si arriva a Napoli è la sua intensità. La città accoglie chiunque ci entri con un abbraccio piacevole di colori e suoni che si estende tra i viali e la cordialità degli abitanti. Tutto è più accentuato a Napoli, compresa la cultura che si respira nei monumenti, teatri e musei, ma che si avverte soprattutto tra la gente. Tale ricchezza si vede raramente altrove e arriva soprattutto dal forte desiderio di comunicare, divulgare e combattere quei luoghi sovrastati da un vulcano minaccioso. Ed è proprio quella la vera forza di Napoli: il legame con il territorio e la storia, più forte di qualunque altra cosa, in un clima amichevole dove ci si aiuta e il rifiuto non esiste.

Dalla Certosa di San Martino si può osservare tutta la bellezza del mare, le isole, ed il lungo viale di Spaccanapoli che taglia il quartiere nettamente a metà. Bisogna fare attenzione quando si cammina per i giardini che mostrano la veduta dall’alto perché si rischia di perdere la cognizione del tempo per quanto è incantevole ed affascinate.

Fare parte di tutto questo, anche solo per un giorno, e presentare il proprio libro in questa cornice è una meta che avevo bramato da molto, anche se poi la realtà ha superato ampiamente le mie aspettative. La cornice dell’incontro, un posto bellissimo, un “posto a sedere”, mi ha permesso di conoscere un pubblico attento ed interessato. La presentazione sì è svolta nel quartiere Vomero, nella libreria Iocisto, la libreria di tutti come c’è scritto ovunque e che rispecchia perfettamente lo spirito Napoletano.  Oltre ad avere un vasto assortimento di volumi è un luogo d’incontro per parlare di libri, ma anche di pittura, cinema e tutto quello che riguarda l’arte e la cultura. Un posto caldo ed accogliente dove ci si sente a casa, per tutti appunto.

E’ lì che incontro Enza Alfano, autrice, giornalista, insegnante e coordinatrice dell’officina delle parole che organizza corsi di scrittura e che parla, insieme alla giornalista Federica Flocco, del mio libro, ed è lì che pur stando seduta al tavolo con le relatrici, divento spettatrice. Enza fa un’analisi dettagliata della mia scrittura, sottolineando la tecnica di narrazione, spendendo tante belle parole di cui la ringrazio. Seguo con attenzione la sua analisi e mi rendo conto solo in quel momento della funzionalità dell’opera, come se mi scoprissi davanti ad uno specchio. La sala è piena, soprattutto donne, con tanto desiderio di apprendere per poter raccontare e che seguono con attenzione tutto quello che sta succedendo. Il loro entusiasmo è stimolante  e crea subito un’intesa forte, anche se è la prima volta che ci incontriamo.

Con grande piacere noto la presenza di alcune mie amiche e colleghe, autrici che conosco da qualche tempo e che mi hanno seguita fino a qui: Napoli è piena di sorprese.

La presentazione si conclude con la firma delle copie, uno scambio di informazioni e una vera pizza Napoletana.

Ora capisco il detto: Vedi Napoli e poi muori, perché quando si vive una realtà come questa, così intensa e forte, si cresce, se ne esce più ricchi di prima, come se si fosse ricevuto un’iniezione di vita, e si cambia, in meglio. Ringrazio tutti coloro che mi hanno fatta crescere con la speranza di tornarci presto.

Maggie Van Der Toorn

25 gennaio 2017

 

Insieme per Art Quake

14962537_1161688130547730_2361834881633317161_n

Il terremoto, a me come a tutti, ha lasciato nel cuore un senso di tristezza, di rabbia, di impotenza. Ma appena ho letto di questa iniziativa, ho pensato che avrei potuto, come altri artisti, contribuire, con una briciola, ad alleviare le sofferenze dei nostri concittadini e la loro ansia. Due miei libri, “Partenze” e “Posti a sedere” saranno insieme alle altre opere artistiche all’asta che Art Quake ha promosso. Dalla vendita usciranno fondi che saranno interamente donati alle popolazioni terremotate. Partecipate, se potete, con le vostre produzioni artistiche, oppure acquistando le opere all’asta. Potremo così aiutare chi oggi ha bisogno di noi.

La mostra avrà inizio domenica 6 novembre alle ore 17.30 e terminerà il 26 novembre.

Museo Vernissage – Ancona – Porto – Banchina Nazario Sauro 28
https://www.facebook.com/events/1771013986495671/

“Posti a sedere” alla Notte Rosa 2016

13342119_1052597181456826_229894429_n

Annuncio con grande piacere che il mio ultimo libro”Posti a sedere”, edito da L’Erudita – Giulio Perrone Editore, verrà presentato durante la Notte Rosa 2016 a Pesaro, nel prestigioso Palazzo Toschi-Mosca alle ore 18.30 di venerdì 1 luglio 2016. L’ingresso è libero.

Una presentazione con intrecci di letture, immagini, musica ed emozioni.

Letture a cura di Alessandra Giardina, regia di Giorgio Santi, intervento musicale con il Soprano Samantha Faina, voce e chitarra Luca Rossi.

Scrivere è volare, è raggiungere altri luoghi con le parole e la fantasia intrecciando la realtà; raccontare senza confini ed entrare nella vita di altri attraverso la mia”.

Maggie Van Der Toorn

Posti a sedere

 

 

Nuovo libro “Posti a sedere”

Layout 1

Ecco il mio nuovo libro! “Posti a sedere”, edito da L’Erudita Giulio Perrone Editore (Roma). E’ una raccolta di otto racconti che contiene anche un racconto scritto a quattro mani con la giornalista sportiva Valeria Ancione che ringrazio vivamente per aver partecipato e creduto nel progetto!
La foto di copertina è del fotografo Darko Labor che ringrazio per avermi donato la sua Arte e ringrazio la modella Daniela Bartoli per la sua disponibilità e vera amicizia. Il libro sarà disponibile da lunedì 11 aprile sul sito http://www.lerudita.it/posti-a-sedere/  IBS  e presso le librerie indipendenti.

copertina sinossi

12986349_1022544061128805_518697058_o

“Viola” uno dei racconti, dedicato a tutte le donne morte per mano violenta, inserito nella nuova raccolta “Posti a sedere” è stato premiato con la Menzione d’Onore al Premio letterario Città di Cattolica – Pegasus Literary Awards.  Premio come riconoscimento, per il particolare valore artistico riscontrato per l’opera “Viola”.